To Learn Arabic : L'importanza dell'arabo .
Informazioni sulla Siria

Informazioni sulla scuola

L'importanza dell'arabo
Studio della lingua
A chi sono diretti i nostri corsi
I nostri corsi privati di arabo
Moduli

Altri servizi

Prezzi e costi
Contattaci
Commenti
To Learn Arabic
To Learn Arabic is for
non-native speakers

counter visitors

since 1/3/2005
Tell Your Friends


L'importanza dell'arabo

Non si dovrebbe sottovalutare il significato della lingua araba. È la lingua nativa di più di 250 milioni di persone residenti negli Stati compresi tra il Marocco, ad Occidente, e l'Iraq, ad Oriente. La lingua araba classica (fusha) è sentita come sacra da tutti i musulmani (circa un settimo della popolazione mondiale).

La lingua araba è rispettata e riverita al mondo in quanto lingua del Santo Corano, il quale, secondo i musulmani, ne ha consentito la conservazione nella forma più pura. In realtà l'arabo ha subito dei mutamenti nei secoli e il Santo Corano continua ad esercitare su di essa una essenziale influenza coesiva. Pertanto, un arabo colto è in grado di leggere un testo scritto cento anni fa o più.

Grazie alla diffusione dell'Islam, avvenuta a partire dal VII e VIII secolo, la lingua ha ottenuto la sua importanza. In parte per il ruolo religioso che ha rivestito e riveste tuttora, in parte perché divenne lingua ufficiale dell'amministrazione del Califfato Islamico. È in questo periodo che l'arabo venne a contatto con alcune lingue europee dalle quali ha tratto un ulteriore arricchimento.

L'arabo e il mondo moderno

Le nuove scoperte scientifiche che hanno dominato il panorama mondiale dell'ultimo secolo hanno imposto un rinnovamento importante nella lingua araba che ha affrontato la nuova situazione incorporando una serie di neologismi, per lo più termini tecnologici. La traduzione di opere letterarie europee ha accelerato il processo. Ha avuto origine così un conflitto tra i puristi, che rigettavano l'adozione di parole straniere nella lingua, e i moderni, concordi nell'infrangere alcune antiche tradizioni. È nato, ad esempio, un nuovo metodo di scrittura giornalistica di cronaca influenzato dallo stile dei media occidentali.
I puristi si sono adoperati nell'introdurre neologismi tratti dall'arabo per provvedere alle nuove esigenze linguistiche, ma il loro sforzo non è valso a impedire l'adozione di parole straniere. La parola hatif, ad esempio, è stata impiegata per indicare il “telefono”, ma la versione occidentale talfun è rimasta comunque in uso.

Ulteriori cambiamenti hanno comportato la perdita di numerosi termini tra i più affascinanti, in particolare quelli relativi alla vita beduina come risultato della rapida decrescita del numero di beduini e della mutata condizione sociale che tende sempre più a divenire urbana e sedentaria.

Le lingue più parlate al mondo

Secondo l'articolo di George Weber “Le 10 lingue più influenti al mondo”, in Language Today (vol. 2, Dic. 1997):
(il numero dei parlanti nativi è tra parentesi)

1. Cinese Mandarino (1,2 bilioni)
2. Inglese (330 milioni)
3. Spagnolo (300 milioni)
4. Hindi/Urdu (250 milioni)
5. Arabo (200 milioni)
6. Bengali (185 milioni)
7. Portoghese (160 milioni)
8. Russo (160 milioni)
9. Giapponese (125 milioni)
10. Tedesco (100 milioni)
11. Punjabi (90 milioni)
12. Francese (75 milioni)

Secondo l'Ethnologue, XIII edizione,

1. Cinese (Mandarino) 1,075 milioni.
2. Inglese 514 milioni.
3. Indostano 496 milioni.
4. Spagnolo 425 milioni.
5. Russo 275 milioni.
6. Arabo 256 milioni.
7. Bengali 215 milioni.
8. Portoghese 194 milioni.
9. Malese-Indonesiano 176 milioni.
10. Francese 129 milioni.
La seguente lista ordina le lingue secondo il numero di paesi in cui ognuna è parlata. La cifra tra parentesi indica il numero di paesi in cui la lingua è in uso (Weber, 1997):
1. Inglese (115)
2. Francese (35)
3. Arabo (24)
4. Spagnolo (20)
5. Russo (16)
6. Tedesco (9)
7. Mandarino (5)
8. Portoghese (5)
9. Hindi/Urdu (2)
10. Bengali (1)
11. Giapponese (1)


To Learn Arabic
Private language school